contenuti e musica

Colonne sonore di Ennio Morricone: musica e contenuti a confronto

Posted: 13 Novembre 2018 by AnnaVentrella

Recentemente, Ennio Morricone ha compiuto 90 anni ed io mi sono permessa di omaggiarlo, prendendo ad esempio il suo incredibile lavoro con la musica, portato avanti negli anni con costanza e dedizione. Più di 500 composizioni, 2 Oscar vinti. Un uomo che ha fatto del suo dono ovvero interpretare il mondo e il cinema in particolare, con la musica, un regalo per tutti coloro che hanno avuto, e che avranno, la capacità di apprezzarlo. 

Tutti quanti noi, almeno una volta nella vita, abbiamo visto un film western, il genere cinematografico che narra le avventure di pistoleri e cowboy dell’Ovest dell’America del XIX secolo. Uomini di valore o meno, combattono per il loro personale senso di giustizia, in una terra dimenticata dal resto del mondo civilizzato.

In Italia questo genere prende il nome di spaghetti western con Tex Willer e Zagor. Tutti coloro che appartengono alla generazione del telefono senza connessione e dei dischi masterizzati, nonché del conoscere persone parlandoci soltanto dal vivo, sanno bene di cosa sto parlando. Chiaramente non escludo che tra i miei contatti ci siano appassionati di cinema, in grado di smentire questa mia supposizione, forse troppo generica, magari con meno di 25 anni di età.

La speranza è l’ultima a morire, come si dice. Ad ogni modo, volendo essere giusta, Ennio Morricone – compositore, musicista, direttore d’orchestra e arrangiatore italiano tra i più noti al mondo – è un artista che è stato in grado, con la sua incredibile anima musicale, di affascinare il mondo con il suo stile di composizione.

Collaborazioni importanti, dapprima con l’Italia con Sergio Leone, Duccio Tessari e Sergio Corbucci, e poi quelle Hollywoodiane con Quentin Tarantino, John Carpenter, Brian De Palma, Barry Levinson, Mike Nichols, Oliver Stone, registi che hanno prodotto veri e propri capolavori del cinema, rendono Ennio Morricone un vero e proprio esperto di contenuti musicali.

Se il cinema ti dà la possibilità di immergere la vista e l’udito in un film, Ennio Morricone è colui che rende possibile sognare, rivedendo quei film che hanno conquistato il nostro cuore, anche solo chiudendo gli occhi e ascoltando i suoi brani.

Storie di passione, di amore, coraggio, lotta, speranza, ma anche tragedia e disonestà, sono le protagoniste dei film che ha interpretato musicalmente Ennio Morricone. La sua è una genialità musicale, che probabilmente non è possibile che si ripeta facilmente ed è per questo che il suo lavoro nel mondo del cinema è, ad oggi, riconosciuto come uno dei stimati.

Le colonne sonore di Ennio Morricone: un esempio di contenuto emozionale

I contenuti non sono solo quelli scritti. Recentemente, proprio grazie ad un corso sul Content Marketing, tenuto da Alessio Beltrami, sto avendo modo di rivalutare completamente il concetto di “fare contenuti”.

Tutti fanno comunicazione, in qualsiasi momento ma soprattutto in qualsiasi modo, la musica è uno di questi. La scrittura è un’arte, esattamente come lo è la musica, la pittura, la scultura, la fotografia, il disegno, il cinema e alcune tipologie di sport.

Scrittura e musica hanno dei punti in comune che vanno valutati con molta attenzione, in special modo se ti stai approcciando adesso al mondo del content. Potrebbe esserti utile comprendere la comunicazione, analizzando la musica.

La musica si divide in generi, classica, lirica, contemporanea, rock, pop, commerciale, solo per citarne alcuni dei più noti.

  • Il primo punto in comune che possiamo trovare, per esempio, tra la musica e la scrittura, sta nella capacità di interpretare l’evoluzione del mondo e del suo modo di comunicare.

La musica è da sempre stata una forma d’interpretazione, un modo di comunicare e un linguaggio, che attraverso i secoli e i tempi che si sono succeduti, si è specializzata, per arrivare sempre più dritto al cuore delle persone.

  • Potrei, quindi, tranquillamente affermare che il secondo punto in comune tra la musica e la scrittura è l’individuazione di un target di riferimento.

Le colonne sonore di Ennio Morricone, rappresentano un chiaro esempio di come la musica, in quanto supporto imprescindibile del linguaggio cinematografico, sia stata in grado di entrare nelle case di tutto il mondo, individuando facilmente il suo pubblico.

Ogni colonna sonora del compositore e artista Italiano, si è adattata alla tipologia di genere cinematografico alla quale era destinata, conferendo valore, alla bellezza del film. La musica comunica con il pubblico, esattamente come fanno le parole, in modo specifico, in quanto è intenta ad avvalorare le emozioni che la pellicola desidera veicolare.

  • Terzo punto in comune tra la scrittura e la musica è il famoso “tono di comunicazione”. Anche la musica si adatta al tipo di messaggio che vuole passare alle persone.

Nella contemporaneità, per ciò che concerne la musica, possiamo dire che quest’ultima cerca di stare al passo con i nostri tempi, descrivendo la società. I cantanti basano tutto il loro successo sullo stare al passo con la contemporaneità e, se vogliono ottenere successo, sanno che dovranno parlare al loro pubblico esattamente come quest’ultimo si aspetta che loro facciano. Se questo non avviene, le persone non sono coinvolte e quindi non comprano i loro dischi.

  • Ecco il quarto punto in comune tra la musica e i contenuti: la necessità di coinvolgere in modo, anche creativo, il target.

Se, poi, vogliamo fare un ulteriore sforzo, volendo immaginare la relazione tra il web copywriting e la musica, potremmo dire che entrambi hanno uno scopo ben preciso: raggiungere le persone in modo diretto, chiaro e senza fronzoli.

I contenuti online di oggi, potrebbero essere tranquillamente equiparati ad una composizione musicale, in quanto l’obiettivo finale è quello di creare, sempre e comunque, conversione. Nel caso della musica, questo è traducibile in “comprare dischi”, in quello dell’online, “fare lead” e quindi “acquistare un bene e un servizio”.

Fare contenuti, è un lavoro antico quanto il mondo. Tutti, da sempre, comunicano con i contenuti, orali e scritti. La musica, esattamente come le altre arti, è diventata nota da quando il mondo l’ha riconosciuta come forma di espressione della società.

Ci sono comunità di indigeni, che ancora utilizzano la musica per dare valore ad un rituale, il quale a sua volta, è anche un mezzo per comunicare con i loro simili, oltre che con la propria divinità.

Fare contenuti è diventato un lavoro riconosciuto, in Italia, solo nell’ultimo decennio, senza rendersi conto che, in realtà, è da sempre un’attività che aiuta a comunicare. La differenza con il passato, sta solo nel fatto che non si investiva come oggi nella comunicazione per il proprio business, sbagliando probabilmente. Altrimenti non saremmo qui, oggi, a fare questo lavoro.

La comunicazione, in qualsiasi modalità essa avvenga, è da sempre la chiave di svolta del tuo successo. Te lo insegnano fin dalla scuola, quando ti fanno studiare la tua lingua madre. Saper comunicare, vuol dire anche conoscere, avvalersi della propria esperienza intellettiva.

Oggi la comunicazione, è diventata il punto saldo di ogni business.

E tu? Come comunichi?