come usare la scrittura creativa per far venire l'acquolina in bocca a chi legge

Scrittura creativa: come usarla per convertire i lettori in clienti

Posted: 29 Ottobre 2018 by AnnaVentrella

Che cos’è la scrittura creativa? A mio parere, si potrebbe definire come una forma di racconto finalizzato a scrivere per raccontare storie, emozioni, aneddoti che riescano a colpire il cuore di chi legge.

La scrittura creativa online, chiaramente, segue delle regole differenti da quella di un romanzo. Il fine, però, è sempre lo stesso: coinvolgere chi legge. Ma come si fa a coinvolgere il lettore applicando la scrittura creativa? La risposta a questa domanda sta nella capacità dello scrittore di portare, sul foglio, le parole in modo originale.

Nella mia immagine, la scrittura creativa è come un pentagramma dove al posto delle note musicali ci sono le parole, che se composte in una determinata sequenza, creano una melodia tutta da leggere. Qui ho voluto prendere in prestito qualche termine tecnico musicale, ma solo per enfatizzare bene il senso di quello che è per me la scrittura creativa.

Scrittura creativa: come esercitarla

come scrivere in modo creativo

C’è un esercizio che mi diverto a fare, quando ho bisogno di capire qual è il modo migliore di descrivere un concetto o un pensiero, utilizzando delle varianti della comunicazione.

Lo trovo molto stimolante per mettere insieme le parole in modo tale che assumano un senso. Lo consiglio anche a te, è molto divertente, se ti interessa vedere come una frase può cambiare completamente significato, semplicemente modificando una virgola o la posizione delle parole stesse.

Prendi 5 parole. Devono essere 5 parole che hanno un significato emozionale.

Ecco un esempio:

Paura, Sesso, Tramonto, Sole e Piangere.

Ora componi 3 frasi con queste 5 parole e chiaramente includi delle preposizioni che le leghino tra loro. Devono essere periodi di senso compiuto chiaramente.

Ecco i miei 3 esempi di scrittura creativa, partendo dalle cinque parole.

Tempo. 20.28 – Inizio

  1. Osservavo con paura quel tramonto, dopo la nostra notte di sesso dal primo sole della giornata. Mi sono messa a piangere per l’emozione.
  2. Piangere, dopo una notte di sesso dal primo sole al tramonto, fa paura.
  3. Credo che il primo sole, dopo quel lungo tramonto di ieri sera, mi ha fatto venire voglia di piangere. Avevo paura di quello che provavo. Avevamo fatto sesso.

20.32 Fine

Ti ho indicato il tempo per farti comprendere che scrivere in modo creativo, è sì una dote, ma è anche un esercizio. La creatività va esercitata. Tutti abbiamo qualcosa da dire, c’è chi lo fa con la pittura, chi con la scultura, chi con la musica e chi con la scrittura.

Il problema è che non tutti siamo scrittori, pittori o artisti in generale. Ma anche se lo fossimo, la nostra dote andrebbe comunque esercitata giornalmente. Il fatto che io per lavoro scriva, mi dà la possibilità di vedere la mia “composizione” ancora prima che io la faccia diventare tangibile. Sono a continuo contatto con le parole e i loro molteplici significati.

Ovviamente quando mi viene commissionato un articolo è diverso, perché devo seguire delle precise regole di seo copywriting, e inoltre devo sviluppare il post in modo tale che porti alla soluzione di un problema. Questo non vuol dire che non si possa scrivere in modo creativo anche con contenuti finalizzati all’utilità, ma lo schema da seguire è leggermente differente.

Ritornando alle tre frasi che ho scritto per l’esercizio, potrai notare, leggendole più volte, che hanno un significato completamente differente l’uno dall’altra. Tutte, però, potrebbero tranquillamente essere l’inizio di una storia d’amore.

In questo caso io ho usato una tecnica specifica del copywriting, in quanto ho inserito delle Power Words, ovvero delle parole potenti, che inevitabilmente destano in te emozioni. L’ho fatto perché così ho attirato la tua attenzione e ad ogni parola che tu hai letto, qualcosa è scattato nella tua mente.

Lo spiega benissimo Marcello Marchese il significato di Power Words, ti consiglio di leggere il suo libro: “Power Copy”. Ti farà rendere conto di come le parole possano davvero scatenare emozioni fortissime e, se usate bene, possono influenzare il lettore e portarlo a fare quello che tu vuoi lui faccia.

Per me le parole sono come delle note: compongono delle bellissime melodie per chi ha voglia di leggerle. La scrittura è la nostra anima che parla, che prende forma.

Se si scrive per lavoro, il fine di un racconto è diverso dalla semplice narrazione romanzata, ma è comunque una forma di trasmissione di pensiero potente e molto efficace.

Scrivere in modo creativo vuol dire dare peso alle parole, concentrare in esse tutta la tua consapevolezza e tutte le tue emozioni. Saper descrivere alla perfezione il gusto di un gelato, quello di un vino o semplicemente un tramonto, vuol dire scrivere in modo creativo, al fine di farti percepire un momento come se tu lo avessi vissuto.

La prossima volta che vai al ristorante, prova a leggere l’etichetta del vino. La sua descrizione, che va molto al di là di “vino fruttato e leggermente frizzante con un aroma di ciliegia”, ti farà capire come le parole siano in grado di entrarti così tanto nella testa, da farti consumare quel vino, prima ancora di assaggiarlo. Le parole devono stimolare l’immaginazione di chi legge, è così che entrano nella memoria delle persone.

Drew Eric Whitman, diceva: “The first use of any product is inside the consumers’ minds”. Il primo uso di qualsiasi prodotto è nella mente del consumatore. Se ci fai caso, quando vai dal macellaio o dal panettiere, i venditori utilizzano delle parole precise per farti comprare quel prodotto in più, al quale tu nemmeno pensavi quando sei entrato nel negozio.

Ti descrivono quella fetta di carne come un tenero filetto di vitellino, morbido ma allo stesso tempo pieno di sapore che al primo boccone, si scioglierà in bocca. Poi, ti dicono che potresti cucinarlo, marinandolo prima nell’olio di oliva (raccomandandoti quello del negozio a fianco natuarlmente) e nell’origano (che casualmente lui ha e costa la metà di quello al supermercato, ma il suo è colto dalle sue personali terre) e lasciandolo riposare per qualche ora.

scrivere in modo creativo

“Questa non è una fetta di carne Signora. È il morso del paradiso del sapore”. Ora, dimmi. Quante volte ti è capitata una trappola del genere? Secondo me molte volte. Tu hai acquistato, ne sono certa. Lo hai fatto, perché lui ti ha fatto provare il sapore del filetto di vitello, prima ancora che nella tua bocca, nella tua mente, stimolando il desiderio di vederlo presto nel piatto.

Loro ti fanno provare l’esperienza del gusto, prima ancora che tu assaggi veramente la carne. La famosa espressione “Mi fai venire l’acquolina in bocca” dovrebbe diventare il tuo motto, quando decidi di scrivere in modo creativo.